History

STORIA

L’origine di ZEUS

ZEUS nasce nel 1984 dall’idea di un gruppo di amici con la voglia ed il piacere di scambiare esperienze del settore del design, della moda e dell’arte, con il fine di condividere le proprie idee, contaminandosi a vicenda. Un gruppo di giovani designer non del tutto convinti dal postmodernismo colorato ed eclatante si riconosceva in una filosofia di design della sintesi: il gruppo ZEUS proponeva mobili minimalisti, neri, chic.

Scelgono il nome ZEUS, la divinità per eccellenza, volutamente con un po’ di arroganza, e creano un marchio iconico, riconoscibile: un quadrato che racchiude tre barre (moda – arte – design),

sormontato da un logo accattivante; il tutto nero su bianco. Con esso nascono anche i primi prodotti: la collezione di moda, tessuti disegnati ad hoc, serie di cravatte, T-shirt col marchio in decine di varianti…ed allo stesso tempo tre sedie, un tavolo e la panca, disegnati con un pennarello ‘grinta’ da un Peregalli agli esordi. Il Gruppo ZEUS, con un atteggiamento che oggi verrebbe definito ‘understatement’, era l’autore di tutto: grafica, design, arte, moda, in vendita nel negozio di via Vigevano. Era il 1984.

Lo showroom di Via Vigevano

Già dall’inizio ZEUS apre un proprio showroom, un negozio progettato in piena libertà, senza gli interventi, i suggerimenti, i condizionamenti di un committente, perché la persona che lo ha pensato e realizzato e arredato è Maurizio Peregalli, uno dei soci di ZEUS, e quindi committente di sé stesso.

Il “tempio” di via Vigevano diventa sin da subito punto di riferimento unico e inevitabile del design d’avanguardia e minimalista, spazio di esposizione e comunicazione, e luogo d’incontro tra designer e artigiani.

Precursori del Fuorisalone

Nel 1985 ZEUS propone la prima collezione design di Maurizio Peregalli con i prodotti “archetipo”: Sedia – Tavolo – Poltroncina – Savonarola – Panca, ed in contemporanea la mostra ‘DEA’,Design Europeo Anteprima, dedicata alla produzione artigianale: più di venti designer presentano i loro prototipi al pubblico milanese del Salone, un’accoppiata vincente per affascinare la stampa e gli addetti ai lavori e porre le basi di quello che diverrà l’“off” Milanese, una vetrina europea, ben presto internazionale, del design intorno al Salone del Mobile.

All’epoca il Fuorisalone non esisteva, ed era la prima volta (con le debite eccezioni) che una giovane azienda si presentava nel proprio showroom.

Viene organizzato un party, definito successivamente “All night long Party” che, si teneva il sabato sera. Nessuna inaugurazione, solo un passaparola con tutti gli ingredienti della festa: masse di fan che formavano una specie di corteo dalle vie adiacenti per arrivare nel cortile di ZEUS. Tutti hanno visto, bevuto, mangiato e consumato, e tra loro anche i grandi nomi del design ed i rivenditori, incuriositi dal grande movimento. Il Fuorisalone, ancora da inventare, era nato.

Le presentazioni ‘Together in September’, allestite da Zeus in concomitanza con il Salone del Mobile, sono continuate per anni, rimanendo la festa per eccellenza, un autentico must. E non solo nello spazio di Via Vigevano: nel 1988, insieme a One Off, Quartett, Neotu e Disform viene organizzata parallelamente una presentazione negli ex capannoni industriali dell’Ansaldo, negli spazi attualmente occupati dal museo Base in via Tortona.

Il Garage Blue

Con il passare degli anni Zeus cresce e, nel 1995, si trasferisce in un contesto di architettura industriale, un ex garage, uno spazio che colpisce per la sua ampiezza e per la sua architettura anni 50, uno show-room di 1000 mq a due passi dai Navigli, cuore pulsante di Milano.

Negli anni il grande Garage Blu è diventato – e continua ad essere – luogo di esposizione, comunicazione e incontro per ZEUS e per altri brand in sintonia con la filosofia ZEUS, per presentare le novità, convogliare clienti, visitatori e amici che possano apprezzare un modo di concepire il design poco lontano da quanto già c’era nel lontano 1984.

1zeus
1zeus
1zeus
1zeus
1zeus
1zeus
1zeus
previous arrow
next arrow